LA SINDACA FERRARONI

L’Amministrazione Comunale di Poviglio, guidata dalla Sindaca Cristina Ferraroni, sta portando avanti una serie di operazioni mirate a migliorare la sicurezza in ambito stradale dei cittadini; verranno investiti circa 140mila euro per il riassetto di diversi tratti di strade comunali, in particolare, si tratterà di lavori di asfaltatura, ripristino e manutenzione. Un ulteriore importo di circa 20mila euro verrà utilizzato nella sistemazione di strade bianche all’interno del territorio. Si tratta di interventi che consentiranno un aumento della sicurezza per la viabilità urbana ed extraurbana, in strade ad assiduo scorrimento. Un altro settore che beneficerà di significativi interventi sarà quello della Protezione Civile. Il Comune ha infatti acquistato un apposito pick-up che potrà essere utilizzato in fasi di emergenza, oltre che generatori di corrente portatili e altri strumenti utili in molteplici frangenti. Si tratta di investimenti che l’Amministrazione ha potuto sostenere grazie al totale contributo pervenuto dal territorio; le risorse necessarie sono infatti giunte dal gruppo Iren, da aziende locali e da cittadini che hanno deciso di effettuare donazioni con l’obiettivo di implementare il comparto della protezione civile locale. È da sottolineare, inoltre, l’aumento dei volontari che in questi ultimi mesi ha conosciuto una significativa crescita in termini di impegno e competenze, figure iscritte al gruppo che hanno frequentato i necessari corsi base; la squadra si è attivata anche in occasione degli eventi atmosferici eccezionali verificatosi nell’anno scorso. Proprio il volontariato, in generale, continua a rappresentare una grande risorsa per il territorio ; in un periodo complesso come quello che si sta attraversando, le associazioni locali rappresenteranno sempre di più il cuore pulsante delle comunità. Poviglio può vantare un tessuto forte e radicato in tal senso. L’amministrazione sta inoltre valutando, attraverso studi e futuri progetti, la fattibilità nel territorio di allestire orti urbani. L’idea è quella di mettere a disposizione spazi verdi, di proprietà comunale, da affidare in gestione a singoli cittadini o ad associazioni. La coltivazione di fiori, frutti e ortaggi coniugherebbe così uno scopo ludico-sociale con la sostenibilità e il “chilometro zero”, dando benefici per la collettività, in virtù anche della linea attualmente adottata a livello Regionale per lo sviluppo di politiche ambientali.